sabato 13 gennaio 2018

Recensione #159 - Prometeo Incatenato/ I Persiani / I sette contro Tebe / Le supplici



Titolo: Prometeo Incatenato / I Persiani / I Sette contro Tebe / LE Supplici

Autore:  Eschilo

Data di pubblicazione: 2015

Editore: Garzanti

N° di pagine: 349

Prezzo: €9,50

Link per l'acquisto:  Amazon

Trama: La straordinaria sensibilità e lo scavo psicologico di Eschilo non solo danno vita nel suo teatro a personaggi grandiosi e complessi, ricchi di risvolti, ma fanno irrompere sulla scena, e con la massima violenza, le grandi questioni politiche e sociali dell'epoca, incredibilmente attuali e moderne: il diritto d'asilo, il sorgere dello stato dalle ceneri delle lotte intestine, la necessità del voto e della democrazia. Il linguaggio è ricchissimo di risorse e accosta registri lirici ed epici, espressioni del parlar comune o dialettali, e quando si gonfia e tende al solenne ha sempre, come in Shakespeare, il crisma dell'autenticità.





Sto cercando di recuperare la lettura di classici greci e latini, per piacere personale. Purtroppo mi manca la conoscenza sia del greco antico che del latino, entrambe lingue che dovrei imparare. Questa volta è toccato ad alcune opere di Eschilo.
La mia è una copia vecchissima, tanto che ha il prezzo in lire, ma sia l'introduzione che la traduzione sono state scritte dalle stesse persone della nuova versione.
Consiglio di non saltare la parte introduttiva: io, presonalmente, l'ho trovata molto interessante. Purtroppo nel corso di Letteratura Greca quest'anno si ci è concentrato su altri autori, quindi per me è stato un approfondimento molto gradito.
Per quanto riguarda la traduzione, senza sapere la lingua non posso dire molto, ecco. Guardando l'originale riconoscevo qualche parola, ma non tanto da poter controllare la traduzione. Nel complesso si leggeva bene, anche se alcuni punti mi sono piaciuti più di altri. È un peccato che ci manchino alcuni versi. Mi chiedo come sarebbe leggerlo, e anche vederlo, in originale. Eschilo ha portato parecchie innovazioni al teatro greco, e le tragedie da lui scritte sono davvero interessanti.
Tra queste quattro opere, quella che ho preferito è sicuramente il Prometeo Incatenato, seguito da I persiani. Per quanto riguarda il Prometeo, racconta il mito del titano Prometeo e della sua punizione, inflittagli da Zeus per aver donato il fuoco agli umani. È quella che mi è piaciuta di più perché adoro la mitologia greca, e perché, leggendo opere che parlano di loro, mi sento più vicina agli dèi. Per quanto riguarda I Persiani, invece, viene portata a Susa la notizia della sconfitta di Salamina. L'ultima parte, dove appare Serse, è uno dei punti che più ho amato. Anche I sette contro Tebe e Le supplici sono bellissime opere, sopratutto la seconda per quanto mi riguarda. 
In tutte queste opere possiamo individuare dettagli della cultura greca del tempo, altro dettaglio che mi interessa molto, e le note a volte aiutano ad individuare dettagli che potrebbero sfuggire.
Non ho molto da dire, a essere sincera. Le opere mi sono piaciute, le trame erano interessanti e la traduzione facile da seguire. Il tutto si legge piuttosto velocemente ed io, personalmente, non mi sono affatto annoiata nella lettura.



Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!