giovedì 7 dicembre 2017

Recensione #151 - Fablehaven


Salve! Oggi vi parlo di un libro per ragazzi (8-13 anni) che mi è stato regalato qualche settimana fa. L'ho trovato molto carino, e vorrei continuare la serie!




Titolo: Fablehaven #1. Fablehaven

Autore:  Brandon Mull

Data di pubblicazione: 2006

Editore: Alladin

N° di pagine: 351

Prezzo: €8,00

Link per l'acquisto: Amazon / Bookdepository

Trama: 
For centuries mystical creatures of all description were gathered into a hidden refuge called Fablehaven to prevent their extinction. The sanctuary survives today as one of the last strongholds of true magic. Enchanting? Absolutely. Exciting? You bet. Safe? Well, actually, quite the opposite.
Kendra and her brother, Seth, have no idea that their grandfather is the current caretaker of Fablehaven. Inside the gated woods, ancient laws keep relative order among greedy trolls, mischievous satyrs, plotting witches, spiteful imps, and jealous fairies. However, when the rules get broken -- Seth is a bit too curious and reckless for his own good -- powerful forces of evil are unleashed, and Kendra and her brother face the greatest challenge of their lives. To save their family, Fablehaven, and perhaps even the world, Kendra and Seth must find the courage to do what they fear most.





“Smart people learn from their mistakes. 
But the real sharp ones learn from 
the mistakes of others.”



Kendra e Seth devono stare qualche giorno dai nonni paterni. Nonni che conoscono poco o nulla, e con cui non hanno voglia di passare il tempo. Il nonno gli proibisce di avventurarsi in certi posti della tenuta, ma solo quando ormai è troppo tardi i due ragazzi capiscono davvero cosa c'è attorno a loro.
All'inizio pensavo che avrei letto un romanzo molto incentrato sulle creature magiche che i ragazzi avrebbero scoperto nel loro periodo alla tenuta. In realtà non è totalmente così.
Sicuramente i due bambini incontrano parecchie creature: fate, golem, streghe, imps. E Brandon Mull crea un universo particolare in cui creature magiche e mitologiche convivono e vengono preservate, usando elementi dei miti popolari ma anche la propria immaginazione. In particolare ho trovato molto bella la descrizione delle fate, che sono così diverse l'una dall'altra e anche da quelle di cui ho letto fino ad ora. E soprattutto, sono anche di diverse etnie e non tutte europee. Le ho sempre viste ritratte come europeggianti, ed è stata una boccata d'aria fresca.
Come ho detto, però, le creature magiche non sono davvero le "star" di questo libro. I veri protagonisti, com'è giusto che sia, sono Kendra e Seth. All'inizio sono davvero antipatici. Kendra è una codarda, senza spina dorsale. Seth invece è l'esatto opposto. Non ragiona e combina distastri ad ogni azione. Certamente è avventuroso e coraggioso, cosa che mi aspetto dal protagonista di un libro come questo! Entrambi crescono nel corso del libro, però. È bellissimo vederli crescere ed adattarsi al nuovo mondo attorno a loro, attraverso errori più o meno gravi (uno in particolare mi ha fatto mettere giù il libro per un po' perché, dannazione Seth! Perché sei così stupido?). Alla fine però Kendra trova il coraggio che le serve (dopo che tutto è andato per il peggio... Veloce, la ragazza) e Seth pare capire che essere avventati, in un mondo così pieno di insidie, non è la miglior strategia.
Il personaggio che ho preferito è Lena, anche se non è esplorata tantissimo. È saggia, e fa parte di entrambi i mondi. Per questo è come tirata dall'uno e dall'altro, e pare non essere davvero felice. La sua storiaè così dolce e triste, e quel che le succede alla fine del libro mi fa pensare se almeno, adesso, sia felice. Sì. Lo so che è un personaggio fittizio, e non mi interessa.
Il nonno u n po' mi sta sui nervi, ma vedendo il comportamendo dei due ragazzi non posso davvero biasimarlo. Insomma, ci ha provato.
Lo stile di scrittura è davvero troppo semplice per i miei gusti. Capisco che sia un libro per ragazzini dagli 8 ai 13 anni, ma molte parole erno ripetute ad ogni frase e mi sembrava di essere tornata a leggere i testi di prima elementare. Però per un ragazzino o per qualcuno che si approccia a leggere in lingua potrebbe essere un'ottima lettura.
Nel complesso mi è piaciuto il complesso di creature magiche e la storia generale delle varie tenute, e quindi il plot maggiore che si va ad allargare con i prossimi libri. E la lettura è stata leggera, veloce e a tratti divertente. Se all'inizio Kendra e Seth erano due rompiscatole, sono migliorati verso la fine, e nel complesso è stata una buona lettura.



Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!