venerdì 20 aprile 2018

Recensione #174 - Giorni perduti


Salve a tutti! Oggi vi parlo di un fumetto. Non ne leggo molti, in verità... Ma vorrei cominciare a leggerne di più, quindi ho cominciato prendendone qualcuno dalla biblioteca. Questo è uno di quelli che ho preso in prestito recentemente:


Titolo: The Walking Dead vol 1. Giorni perduti

Autori: Robert Kirkman; Tony Moore

Data di pubblicazione: 2012

Editore: Saldapress

N° di pagine: 143

Prezzo: €13,90

Link per l'acquisto: Amazon

Trama: Il mondo in cui l'agente di polizia Rick Grimes si risveglia dal coma non è più quello in cui viveva prima di essere ferito: sua moglie e suo figlio sono spariti, la sua casa è vuota, la sua piccola e pacifica città è deserta. O quasi... Qualcuno in effetti si trascina per le strade, ma fermarsi a chiedergli informazioni non sembra davvero una buona idea!










Come molti ormai sanno non guardo più la serie tv dalla morte di Merle, quindi... fine terza stagione. Mi hanno detto che dovrei riprenderla, ma non lo so. 
Intanto, ho deciso di leggere i fumetti e ho preso in prestito il primo in biblioteca.
Devo dire che non leggendo spesso fumetti non so bene come recensirli, ma ci proverò. Abbiate pazienza.
Per chi non conosce The Walking Dead (vivete sotto una pietra?), Rick Grimes si sveglia dal coma e scopre che il mondo attorno a sé è totalmente cambiato: la sua famiglia e tutte le persone vive sono scomparse, e il mondo è invaso dagli zombie.
Sapevo già che la storia era piuttosto diversa dalla serie tv, dove ci sono anche personaggi diversi rispetto a quelli del fumetto, quindi non ero totalmente sorpresa. Ma a parte la mancanza di Merle (T_T) e alcune cosette minori, il primo episodio della serie e il primo volume del fumetto sono molto simili: veniamo introdotti ai personaggi principali e al loro campo di fortuna, e capiamo la situazione tragica in cui le persone ancora non affette si trovano.
Mi sono trovata molto meglio col fumetto, però. Forse perché in generale è più veloce o perché richiede più attenzione visto che devo comunque leggere.
Rick nella serie è oltremodo odioso, e di lui non mi può fregar di meno, mentre nel fumetto non mi ha dato particolari fastidi. Non dico che mi piace, ma mi trovo a voler sapere come andrà a finire per lui in quanto l'ho trovato più... umano, in un certo senso.
Una cosa che mi aveva dato un fastidio assurdo era il plot Shane/Lori, che invece nel fumetto c'è poco e niente, e solo dalla parte di Shane. È una cosa che ho apprezzato molto, e non capisco perché abbiano dovuto inserirlo nella serie tv. Più views? Mah.
Lori nella serie è un'insopportabile rompipalle, e invece nel fumetto mi piace molto. La sua relazione con Rick è molto più naturale e sana che nello show, e anche il suo rapporto con Carl.
Shane invece non lo posso vedere né nella serie tv né nel fumetto; anzi, nel fumetto è anche peggio! Mamma mia. Insopportabile e stupido.
Quella che dovrebbe essere piuttosto diversa è Carol, che però non si vede molto in questo primo volume, quindi non posso dire nulla.
Mi è piaciuto rivedere anche Amy e Andrea, anche se in questo primo volume non sono molto esplorate. Peccato. Andrea mi piaceva abbastanza nella serie tv, e voglio davvero vedere quanto la sua storia sia diversa in quest'altro contesto.
Quello che è trovato più simile è Glenn, e non vedo l'ora che arrivi anche Maggie!
I personaggi che invece non erano nella serie tv li ho trovati... dimenticabili. Forse è per questo che non c'erano.
Per quanto riguarda i disegni, c'erano delle parti davvero belle, altre che invece non mi sono piaciute. È uno stile che in generale non mi da fastidio ma non mi piace particolarmente, e non aggiunge molto alla storia. Eppure penso che dovrebbe essere una delle cose più importanti!
Nel complesso la storia mi piace molto, e l'ho trovata molto più grafica e interessante rispetto allo show. Spero di poter prendere presto il secondo volume. 




Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!