venerdì 31 marzo 2017

Recensione #83 - Un uomo al potere

Salve! Oggi vi parlo di un libro che ho letto per una challenge!

OBIETTIVO 15 - Leggi un romanzo storico. Il completamento di questo obiettivo ti darà 1 punto


Titolo: I Medici. Un Uomo al Potere

Autore: Matteo Strukul

Data di pubblicazione: 2016

Editore: Newton Compton

N° di pagine: 376

Prezzo: €9,90

Link per l'acquisto: Amazon

Trama: 
Firenze, 1469. Lorenzo de' Medici sta vincendo il torneo in onore della sua sposa, Clarice Orsini, appena giunta a Firenze per le nozze con l'uomo che diventerà il Magnifico. Questo matrimonio non è un passo facile per Lorenzo: il suo cuore - ne è convinto - appartiene e sempre apparterrà a Lucrezia Donati, donna di straordinaria bellezza e fascino. Eppure asseconderà il volere della madre e rafforzerà l'alleanza con una potente famiglia romana. Chiamato a governare la città e ad accettare i costi e i compromessi della politica, diviso fra amore e potere, Lorenzo sottovaluta i formidabili avversari che stanno tramando contro di lui per strappargli la guida di Firenze. Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV, dopo aver sobillato Jacopo e Francesco dei Pazzi, storici nemici della famiglia de' Medici, e stretto alleanza con Francesco Salviati, arcivescovo di Pisa, concepisce una congiura il cui esito per Lorenzo sarà terribile: il fratello Giuliano verrà brutalmente ucciso davanti ai suoi occhi. E da quel momento si aprirà un periodo di violenza e vendetta da cui in pochi si salveranno...




"Ogni volta che ripenso a te gli occhi e il cuore si coprono di
una pioggia che non riesco a spiegare. Quando provo a scrivere
per te l'inchiostro si secca, e le parole sono foglie cadute,
fantasmi, spettri stanchi di quello che posso esprimere solo con
lo sguardo, con l'amore che alberga dentro di me e che nessun
dolore, nessuna promessa riusciranno a raccontare".


In questo secondo romanzo, facente parte della trilogia di Strukul sulla famiglia de' Medici, seguiamo l'ascesa di Lorenzo al potere dopo la morte del padre Piero, figlio di Cosimo. Nel libro precedente lo avevamo lasciato bambino, ma qui è ormai adulto e in simbiosi con la sua Firenze.
Strukul ci rende partecipi della congiura dei Pazzi contro i Medici (se qualcuno mi dice che è uno spoiler lo rimando a scuola a calci) e ci rende questi personaggi storici più vicini, più "reali".
È così che seguiamo Lorenzo il Magnifico mentre cerca di sopravvivere ai propri nemici, alleandosi con la famiglia degli Orsini sposando Clarice anche se il suo cuore è devoto ad un'unica donna, Lucrezia Donati.
Strukul crea una triade formata da Lorenzo, Lucrezia e Leonardo da Vinci. Quest'ultimo è stato il personaggio che più ho preferito.
Ma veniamo al dunque: cosa ho pensato di tutti questi personaggi?
Lorenzo è un uomo combattuto tra il dovere nei confronti di Firenze e del popolo e l'amore per la sua Lucrezia. Fa così tanti errori che a stento merita, in questo romanzo, il nome di "Magnifico". È completamente perso, tanto che rischia di mandare in frantumi l'alleanza con gli Orsini! E quando sembra che abbia finalmente scelto Firenze, com'è giusto, torna sui suoi passi. Personalmente, non ho seguito le avventure di Lorenzo come ho fatto con Cosimo: non mi ha appassionato allo stesso modo, troppo diverso dal nonno, e in senso negativo.
Lucrezia è per gran parte della storia una sorta di bambina viziata troppo cresciuta, egoista, non riesce ad avere uno sguardo più ampio e a captare le possibili conseguenze delle sue azioni. Molto, molto irritante. A volte volevo saltare i punti in cui era presente, ma ho combattuto contro me stessa e li ho letti. Verso la fine il suo personaggio ha un miglioramento: la congiura, il pericolo, sembrano averla fatta crescere.
In questo romanzo Lorenzo e Leonardo sono buoni amici, e questo ci permette di entrare nello studio del grande genio, di entrare nella sua mente e di vedere, attraverso gli occhi anche di altri personaggi, come Lucrezia, le sue opere. Mi è piaciuto il fatto che fosse un personaggio importante non solo per la storia, ma anche per Lorenzo stesso.
Clarice, poi, è così patetica! Non ho mai letto di un personaggio tanto irritante, davvero! Illusa e completamente inutile, non regge il confronto con nessuna delle altre donne della famiglia.
In I Medici. Una dinastia al Potere c'era Laura, che anche allora sprizzava odio da tutti i pori nei confronti della famiglia de' Medici. E chi rispunta? Lei! Assieme ad un figlio che sembra la sua controparte maschile. I due tramano ancora contro i loro nemici giurati, aiutando i Pazzi. Una cosa che mi ha irritato, e non poco, è stata la relazione incestuosa fra i due. Ma va di moda mettere l'incesto ovunque? Io non capisco. Comunque, alla fine, anche Laura si rende conto di essere una donna stremata dalla vita, che ha utilizzato suo figlio come simulacro per tutto quello che ha perso, come il suo unico, grande amore. Un po' mi fa pena. Laura è un personaggio davvero particolare però, questo devo ammetterlo, e in fondo mi piace.
Per quanto riguarda il contesto storico, ci troviamo tra il 1469 e il 1479. Ci sono alcune imprecisioni storiche (I cani Bleu d'Auvergne... Sì. Guardo ai dettagli, io.) ma tutto sommato è stato un buon libro da leggere, anche perché lo stile di scrittura di Strukul mi piace molto e rende molto piacevole la lettura!

3 e mezzo

giovedì 30 marzo 2017

Recensione #82 - Il Grande Gatsby | Gdl/Reading Challenge "Una Blogger per Amica"


Cari lettori, ci troviamo alla fine di questo GDL! Io, Valentina e Rosaria abbiamo quindi deciso di postare le nostre recensioni, ma diteci anche voi cosa ne avete pensato!



Titolo: Il Grande Gatsby

Titolo Originale: The Great Gatsby


Autore: F. Scott. Fitzgerald

Data di pubblicazione: 1988

Editore: Mondadori

N° di pagine: 182

Prezzo: €8,50 (Altra edizione)

Link per l'acquisto: Amazon


Trama: Chi è il misterioso e ricchissimo vicino di casa di Nick Carraway, a West Egg? E perché passa tanto tempo a fissare quella piccola luce verde che brilla su uno dei moli dell'altra sponda della baia? Il filo conduttore del capolavoro di Francis Scott Fitzgerald è il sogno impossibile cullato da Jay Gatsby. L'ambizioso giovanotto, che ha saputo conquistarsi con tutti i mezzi, leciti e no, prestigio, ricchezza e rispettabilità, vuol far rivivere l'amore fiorito un tempo tra lui e Daisy che un giorno lo ha respinto, povero e senza prospettive, per sposare il rampollo di una delle grandi famiglie americane. Ma i sogni più sono belli e meno hanno la possibilità di avverarsi. E Jay Gatsby non solo non riuscirà a strappare Daisy a Buchanan, pur gettando sulla bilancia tutto il peso del suo fascino e del suo potere, ma finirà addirittura col cadere, vittima innocente, sotto i colpi di un marito tradito messo sulle sue tracce, per vendetta, dal perfido rivale. Al di là dei riferimenti autobiografici, "Il Grande Gatsby" è sopratutto il ritratto di un epoca in cui il mondo dei contrabbandieri di alcolici si mescolava allegramente con quello dei banchieri e delle 'flappers' dei "Roaring Twenties", in attesa che la Grande Crisi seppellisse tutto sotto le macerie dell'"American Dream".



Non c'è fuoco né gelo tale da sfidare ciò che un
uomo può accumulare nel proprio cuore.

La prima volta che lessi questo libro, gli diedi una sola, misera, stella. Forse non era il momento giusto per leggerlo, non lo so.
Il Grande Gatsby non è un libro per tutti. E' un libro che si fa amare molto difficilmente e che, pur parlando di personaggi frivoli e superficiali, frivolo non è.
Nick ci racconta di Gatsby e del suo amore illusorio per Daisy, ormai sposata ad un altro e, comunque, facente parte di un mondo completamente diverso dal suo.
Seguiamo Nick mentre partecipa alla vita nell'Est, ai party, alla vita spericolata di questa parte d'America. Lo seguiamo mentre diventa sempre più disilluso e disgustato dalle persone che gli stanno attorno, persone che non si rendono neanche conto di quello che stanno facendo davvero, a cui non interessa delle conseguenze delle loro azioni, in primis Daisy.
Mentre Gatsby segue quella dannata luce verde verso un'illusione che lui stesso ha contribuito a creare nella sua mente, l'amore di Daisy, così lontana e così vicina allo stesso tempo... Daisy è, invece, un personaggio odioso. Patetica, viziata, frivola, una bambina che gioca col fuoco e si ritira appena prima di scottarsi, ma a cui non interessa quello che succede agli altri. La verità è completamente diversa da come la vedono gli altri personaggi, una ragazza angelica, quasi irreale, una dea.
Un libro breve, neanche 200 pagine, ma comunque intenso, intriso di quella superficialità tipica del tempo, delle feste, della società falsa, ipocrita, superficiale e, soprattutto, egoista.
E tutto questo, seguendo un sogno, quello di Gatsby di un amore impossibile, che si infrange in modo catastrofico e che finisce per ferire tutti e che provoca la distruzione delle vita dei personaggi.
Gatsby, pur non essendo il narratore, è l'unico diverso dagli altri. Nato povero, cerca di integrarsi inseguendo il suo grande amore. Invita chiunque a casa sua, ma rimane comunque un personaggio misterioso per gran parte del romanzo... E alla fine è lui a cui capita la fine più tragica.
Gli altri personaggi sono tutti "antieroi" che non mi hanno toccato minimamente, a parte un sentimento di disgusto e la speranza che avessero quello che si meritassero. Nick è un po' in mezzo a tutto questo, un personaggio grigio.
Lo stile di scrittura e la prima persona in cui gli eventi sono raccontati aiutano ad entrare meglio nella storia e nei suoi personaggi. Descrizioni vivide e l'opinione di Nick, che a volte finisce per influenzarci e a volte ci trova in netto disaccordo.
L'amore in questo romanzo è centrale, ma non è una storia in cui finisce bene e i due amanti si trovano a vivere una vita felice. Quello raccontato in questo romanzo è un amore tragico, e per certi versi finto quanto la società in cui nasce.
Detto questo, penso che Il Grande Gatsby è un romanzo che deve essere letto, ma anche capito, forse anche in modo personale.




Vi ricordo che QUI trovate il link per decidere la lettura di Aprile. Avete tempo fino al 5 aprile, poi insieme alle lettura vi diremo anche chi ha vinto il primo giveaway!

mercoledì 29 marzo 2017

WWW Wednesday #32



Rubrica ideata dal blog Should be Reading con
l'intento di
riportarvi le nostre letture concluse, in corso e future.



-What are you currently reading?

Sto leggendo I Medici. Un uomo al potere di Matteo Strukul. Ho letto e recensito il primo volume tempo fa, e ora mi appresto a leggere questo per una challenge.

Trama: 
Firenze, 1469. Lorenzo de’ Medici sta vincendo il torneo in onore della sua sposa, Clarice Orsini, appena giunta a Firenze per le nozze con l’uomo che diventerà il Magnifico. Questo matrimonio non è un passo facile per Lorenzo: il suo cuore – ne è convinto – appartiene e sempre apparterrà a Lucrezia Donati, donna di straordinaria bellezza e fascino. Eppure asseconderà il volere della madre e rafforzerà l’alleanza con una potente famiglia romana. Chiamato a governare la città e ad accettare i costi e i compromessi della politica, diviso fra amore e potere, Lorenzo sottovaluta i formidabili avversari che stanno tramando contro di lui per strappargli la guida di Firenze. Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV, dopo aver sobillato Jacopo e Francesco dei Pazzi, storici nemici della famiglia de’ Medici, e stretto alleanza con Francesco Salviati, arcivescovo di Pisa, concepisce una congiura il cui esito per Lorenzo sarà terribile: il fratello Giuliano verrà brutalmente ucciso davanti ai suoi occhi. E da quel momento si aprirà un periodo di violenza e vendetta da cui in pochi si salveranno… 


-What did you recently finish reading?

Ho finito Il Grande Gatsby di Fitzgerald e mi appresto a scrivere la recensione!

Trama: Chi è il misterioso e ricchissimo vicino di casa di Nick Carraway, a West Egg? E perché passa tanto tempo a fissare quella piccola luce verde che brilla su uno dei moli dell'altra sponda della baia? Il filo conduttore del capolavoro di Francis Scott Fitzgerald è il sogno impossibile cullato da Jay Gatsby. L'ambizioso giovanotto, che ha saputo conquistarsi con tutti i mezzi, leciti e no, prestigio, ricchezza e rispettabilità, vuol far rivivere l'amore fiorito un tempo tra lui e Daisy che un giorno lo ha respinto, povero e senza prospettive, per sposare il rampollo di una delle grandi famiglie americane. Ma i sogni più sono belli e meno hanno la possibilità di avverarsi. E Jay Gatsby non solo non riuscirà a strappare Daisy a Buchanan, pur gettando sulla bilancia tutto il peso del suo fascino e del suo potere, ma finirà addirittura col cadere, vittima innocente, sotto i colpi di un marito tradito messo sulle sue tracce, per vendetta, dal perfido rivale. Al di là dei riferimenti autobiografici, "Il Grande Gatsby" è sopratutto il ritratto di un epoca in cui il mondo dei contrabbandieri di alcolici si mescolava allegramente con quello dei banchieri e delle 'flappers' dei "Roaring Twenties", in attesa che la Grande Crisi seppellisse tutto sotto le macerie dell'"American Dream".


-What do you think you'll read next?

Finalmente, leggerò Eroi dell'Olimpo. Il libro segreto di Rick Riordan!

Trama: Ci sono storie di semidei che nessuno ha mai raccontato! In questo libro potrai viverle attraverso le parole dei protagonisti e troverai: quattro racconti inediti, tra cui una... magica sorpresa; un'intervista esclusiva a George e Martha, i serpenti di Ermes; un gioco appassionante per mettere alla prova la tua conoscenza della mitologia greca e romana, illustrazioni dettagliate del Bunker Nove e dell'insidiosa casa di Halcyon Green, dove vivono terribili mostri divoratori di semidei!

martedì 28 marzo 2017

Segnalazioni #13 - Una SPA per la Mente





Salve! Oggi inauguro la mia collaborazione con Leone Editore, segnalandovi un loro nuovo libro!


Titolo: Una SPA per la mente

Autore: Rona Persichetti

Data di uscita: Marzo 2017

ISBN: 978-88-6393-388-8

Collana: Sàtura

Editore: Leone Editore

Prezzo: €10,90

Pagine: 224

Link per l'acquisto: Leone Editore



DIECI TRATTAMENTI

DI BELLEZZA

PER ELIMINARE

GLI INESTETISMI

DEL CERVELLO

 Leone Editore presenta

Una Spa per la mente

di Rona Persichetti




Proprio come fare la ceretta alle gambe vuol dire eliminare i pelisuperflui, così farla alla mente vuol dire eliminare i pensierisuperflui. I pensieri inutili. Quelli che non servono a niente. Quelliche non hanno alcuna ragione di essere pensati.Ma quali sono questi pensieri?


Questo libro non è per tutte le donne. Questo libro è solo per le donne che vorrebbero mollare tutto e ricominciare da capo, o stanno cercando di capire che cosa vogliono dalla vita, o sono in continuo conflitto con la propria forma fisica, o corrono come matte senza aver capito bene dove stanno andando, o si stanno chiedendo dove cavolo sia finito il loro principe azzurro… Okay, questo libro è per tutte le donne.
Una Spa per la mente è un manuale di crescita personale che racchiude preziosi suggerimenti per aiutarle a ritrovare un equilibrio nella loro vita sia in ambito privato che professionale. Dieci trattamenti di bellezza rigeneranti per la mente, una vera e propria spa per il nostro cervello. Così, invece di fare una bella ceretta alle gambe, la si farà ai pensieri superflui, i vestiti vecchi ormai da buttare saranno i sentimenti ostili e inutili di cui liberarci, mentre i cibi spazzatura non saranno le solite patatine fritte ma i pettegolezzi che fanno venire la cellulite alle nostre povere teste. Un vero e proprio percorso rigeneranteenergizzante e disintossicante per donne che devono ancora trovare la bellezza che è dentro di loro.
Un manuale divertente, che usa un linguaggio colloquiale, diretto, giovane e spigliato, ricco di illustrazioni e schede di autovalutazione.


L'AUTRICE


Rona Persichetti ha lavorato come avvocato d’affari in Italia e all’estero e ha gestito gli aspetti societari di numerose multinazionali. Ha conseguito un MBA (Master of Business Administration) a Londra dove le è stata conferita la prestigiosa borsa di studio internazionale Women in Business. È Coach certificata e Master Practitioner in Programmazione neurolinguistica (PNL).

lunedì 27 marzo 2017

Segnalazioni #12 - Crash




Salve a tutti! Oggi per Dunwich Edizioni esce il primo libro per la collana Dunwich Life! Di cosa si tratta? La collana si concentra su narrativa non di genere, come appunto questo libro. C'è stato un concorso e tra le varie opere quello che è risultato vincitore è stato Crash di Barbara Poscolieri.



Titolo: Crash

Autore: Barbara Poscolieri

Data di pubblicazione: 27/03/2017

Genere: Narrativa

Editore: Dunwich Edizioni

Prezzo: €3,99 (ebook) / €12,90 (cartaceo)

Pagine: 200

Link per l'acquisto: Ebook / Cartaceo





Sinossi:


Alessandro Alari è un giovane pilota romano della scuderia Speed-Y, in corsa per 
il titolo mondiale del Grand Race. Durante il Circuito di Roma rimane vittima
 di un incidente in cui perde entrambe le gambe. Il mondo dei motori è sconvolto, 
così come tutte le persone vicine al pilota. Solo Alessandro crede che un ritorno alle 
gare sia ancora possibile, con o senza gambe. Inizia quindi un percorso di
 accettazione e di riabilitazione, supportato dalla fidanzata Federica, dai genitori e
 dagli amici, con l’obiettivo di riguadagnarsi il posto che merita nella vita e in pista. 
Ma nel frattempo la Speed-Y ha trovato un nuovo pilota e sembra non credere nel suo recupero.
 La fiducia di Alessandro vacilla e anche il rapporto con Federica ne risente. 
Si rifugia quindi nel suo piccolo paese d’origine, dove ritrova la serenità in una vita semplice. 
Ma il Grand Race invoca il suo nome e, per quanto 
Alessandro cerchi di ignorarne il richiamo, le corse restano parte di lui.



Romanzo vincitore del concorso Dunwich Life dedicato alla narrativa italiana.



L’AUTRICE



Barbara Poscolieri nasce a Roma nel 1983. 
Dopo essersi laureata in Medicina e Chirurgia e aver conseguito la specializzazione 
in Medicina dello Sport si trasferisce a Venezia, dove attualmente 
vive e lavora. Quella per la professione medica è la sua seconda passione, 
perché al primo posto c’è da sempre la scrittura.
Nel 2013 ha esordito con il romanzo fantasy Ombra e Magia (GDS Editrice) e negli
 anni successivi si è dedicata soprattutto al racconto breve, in particolare di genere fantastico. 
Alcuni di questi sono stati pubblicati all’interno di antologie: è presente 
con il racconto Turno Festivo nell’antologia 
365 racconti di Natale (Delos); con Campione nell’antologia
Ossessioni (Èscrivere); con i racconti di fantascienza Vero Inverno 
e Senza orizzonti nelle antologie Esescifi 2014 ed Esescifi 2015 (Esescifi).
Nel 2015 vince il concorso letterario Creep Advisor con il racconto
 horror dal titolo Il boia di Roma, presente nell’omonima antologia.
Altri racconti sono stati pubblicati sulla rivista aperiodica “È-Magazine”
 del forum di scrittura Èscrivere.
Crash, vincitore del concorso Dunwich Life, è il suo primo romanzo mainstream.

domenica 26 marzo 2017

GDL/Challenge: "Una Blogger per Amica" | Aprile: A voi la scelta!

Salve, lettori! Come sapete, sul blog è in corso un'iniziativa assieme a Rosaria di Niente di Personale e Valentina di Universi Incantati.

http://thereadingpal.blogspot.it/search/label/una%20blogger%20per%20amica

Per il mese di Marzo coloro che partecipano hanno deciso di leggere assieme a noi il libro Il Grande Gatsby di Fitzgerald. Il GDL per questo primo libro sta arrivando alla conclusione, e noi abbiamo scelto altri tre libri tra cui potrete scegliere per il prossimo gruppi di lettura!


Come funziona


Ogni mese leggeremo un libro, e ogni mese divideremo i capitoli in tre tappe: una sul blog di Rosaria, una qui, e una sul blog di Valentina. Vi facciamo un esempio: se ci son 30 capitoli lo dividiamo per 3. Da 1 a 10 ne parla Rosaria, da 11 a 20 io e da 21 a 30 Valentina; sarete avvisati via e-mail quando le tappe saranno online in modo che possiate commentarle, perché questi vostri commenti vi consentiranno di accedere all'estrazione del giveaway mensile!

I Premi


L'iniziativa prevede 12 premi, uno ogni mese, più un premio finale per chi avrà partecipato a tutte le tappe di tutti i mesi.
Ci sono dunque più occasioni per portarvi a casa qualcosa:
Ogni mese inseriremo i nomi dei vari partecipanti (saranno considerati solo coloro che avranno commentato in tempo il post della sfida del mese) nel sito random.org, dove estrarremo il vincitore di un ebook a sorpresa.
Esatto: un ebook in premio ogni mese!
A Marzo 2018 inseriremo i nomi di coloro che hanno partecipato a TUTTE LE TAPPE dell'iniziativa per poi estrarre il vincitore tramite il sito random.org di un premio speciale che sarà rivelato nel corso dell'iniziativa.
I 13 vincitori saranno annunciati nei giorni successivi all'estrazione e contattati da noi personalmente via e-mail per accordarsi sulla spedizione dei premi.
In caso di dubbi, potete scriverci via mail. Nel mio caso potete farlo tramite il modulo di contatto nella sezione Contatti oppure potete inviare una mail a bocconcino.francesca@gmail.com
Speriamo che parteciperete numerosi!
Non vi resta che scegliere il libro da leggere questo mese compilando il form qui sotto!


sabato 25 marzo 2017

In Libreria #24



Non vi parlo delle nuove e prossime uscite dall'inizio del mese! Ma come?! Rimedio subito, miei cari lettori!


GIUNTI


Titolo: Hyperversum Ultimate

Autore: Cecilia Randall

Data d'uscita: 29 marzo 2017

Trama: Phoenix, Arizona, futuro prossimo. Alex ha deciso: tornerà nel Medioevo per ritrovare Marc, che nel frattempo è diventato primo cavaliere di Luigi IX. Oltre a sfidare l'ira del padre, dovrà accettare il dolore del distacco dalla sua famiglia, ma nulla può farla rinunciare ai sentimenti che prova per Marc. Châtel-Argent, Francia nord-orientale, XIII secolo. Mentre al castello fervono i festeggiamenti per il matrimonio di Michel de Ponthieu, Marc e Alex si riconfermano l'un l'altra il proprio amore, ma Ian impone loro di attendere almeno sei mesi, per conoscersi meglio. Marc, durante i due anni di distacco, è maturato, ma la sua sicurezza sfiora a volte l'arroganza e Alex fatica a rispettare il ruolo della donna medievale. C'è chi però ha una sensibilità più affine alla sua, come il giovane Richard, e Alex ne è attratta più di quanto voglia confessare a se stessa. Alla loro vicenda personale si mescolano presto vicende politiche quando Luigi IX affida a Marc una missione insolita: a Dunkerque è stato ucciso un viaggiatore inglese e occorre investigare per trovare gli assassini...




RIZZOLI


Titolo: Il Mago

Autore: Lev Grossman

Data d'uscita: 30 marzo 2017

Trama: Quentin Coldwater ha diciassette anni, la mente di un genio e troppe inquietudini. Da cui si libera solo immergendosi nel mondo incantato di Fillorg, in cui sono ambientati i suoi romanzi preferiti. Un giorno viene scelto dalla prestigiosa università per maghi di Brakebills, che sorge nascosta da un incantesimo sulle rive dell'Hudson. A Brakebills la magia è una cosa seria, e tra lezioni di stregoneria, emozionanti partite a welters, primi amori e nuove amicizie, Quentin ne impara i segreti. Ma la magia ha anche dei lati oscuri e Quentin lo capirà a proprie spese ritrovandosi nella "sua" Fillorg, magicamente reale, per scoprire che anche lì, come nel nostro mondo, i colori del bene e del male sono pericolosamente sfumati.




IMMAGINA DI ESSERE ALTRO


Titolo: Le Figlie della Corruzione. Memorie di angue

Autore: Eva D'Amico

Data d'uscita: 6 Aprile 2017

Trama: Convivere con il passato non è mai semplicee scoprire di averne uno che ha già scritto il tuo futuro porta di fronte a una terribile domanda... sei tu a decidere chi essere o la vita sceglie per te? Il percorso di Eva sarà nuovamente sconvolto.

venerdì 24 marzo 2017

Recensione #81 - Il Richiamo del Cuculo

Buon pomeriggio! Oggi posto la recensione di un libro letto per due challenge:

OBIETTIVO 2 - Leggi un giallo o un thriller. Il completamento di questo obiettivo ti darà 1 punto





Titolo: Il Richiamo del Cuculo

Titolo Originale: The Cuckoo's Calling

Autore: Robert Galbraith

Data di pubblicazione: 2013

Editore: Salani

N° di pagine: 547

Prezzo: €16,80

Link per l'acquisto: Amazon


Trama: Londra. È notte fonda quando Lula Landry, leggendaria e capricciosa top model, precipita dal balcone del suo lussuoso attico a Mayfair sul marciapiede innevato. La polizia archivia il caso come suicidio, ma il fratello della modella non può crederci. Decide di affidarsi a un investigatore privato e un caso del destino lo conduce all’ufficio di Cormoran Strike.
Veterano della guerra in Afghanistan, dove ha perso una gamba, Strike riesce a malapena a guadagnarsi da vivere come detective. Per lui, scaricato dalla fidanzata e senza più un tetto, questo nuovo caso significa sopravvivenza, qualche debito in meno, la mente occupata. Ci si butta a capofitto, ma indizio dopo indizio, la verità si svela a caro prezzo in tutta la sua terribile portata e lo trascina sempre più a fondo nel mondo scintillante e spietato della vittima, sempre più vicino al pericolo che l’ha schiacciata…



La notizia era arrivata alle televisioni da diverse ore. La folla
dei curiosi era già assiepata ai due capi della strada, tenuta a bada
dalla polizia; alcuni erano arrivati apposta per guardare, altri
si erano soffermati mentre andavano al lavoro. Molti tenevano
in alto i cellulari, per riuscire a scattare qualche foto prima di
proseguire.


Lula Landry, top model, cade da un balcone e muore. I media e la polizia lo ritengono un suicidio, a causa del bipolarismo della giovane donna. Ma è davvero così? John, il fratello della modella, si reca da Cormoran Strike, investigatore privato, perché crede che Lula non si sia suicidata, ma sia invece stata uccisa. Ha con sé delle prove che mostra a Strike, il quale è sicuro che l'uomo sia solo un illuso. Comincia però a fare ricerche, con l'aiuto di Robin, una segretaria inviata dalle Soluzioni Temporanee.
In questo primo romanzo facciamo la conoscenza di Cormoran, un uomo che nella vita ne ha passate tante, dalla vita di stenti passata con la madre e la sorella, all'ombra di un padre famoso, all'Afghanistan, dove ha combattuto e ha perso una gamba, alla complicata relazione con Charlotte, che gli fa più male che bene. Un nome particolare per un uomo particolare. 
Di solito io non leggo questo genere di libri, perché non mi attirano, ma Cormoran mi è piaciuto davvero tanto. È stato bello leggerne non solo le indagini, che ci mostrano il suo lato metodico, attento ai particolari e ad ogni gesto delle persone attorno a lui, ma anche la vita privata, che si lega a doppio filo al suo lavoro. Per non parlare poi delle minacce di morte che riceve su carta rosa con stampe di gattini. Le voglio anche io!
Ho visto in giro che molti non sono riusciti a legarsi a Strike, ma per me è stata una cosa quasi istantanea dalla sua comparsa nel volume. Sì, perché questo omone riccioluto non compare subito: nel Prologo veniamo praticamente catapultati nel mondo di Lula, dei Media che incessanti cercano scoop e si cibano delle informazioni, anche le più segrete e scabrose che portano alla morte di una giovane donna. Come avvoltoi, aspettano che qualcosa trapeli facilmente da bocche che non riescono a stare chiuse, come carne facile su corpi senza vita. Una cosa davvero triste, se ci si mette a pensarci.
Ancor prima di conoscere Cormoran, poi, conosciamo Robin, alla ricerca di lavoro, e la sua vita così splendente in contrasto con quella, che poi verremo a scoprire, del giovane investigatore privato, ridotto a vivere in ufficio.
Robin, che è così eccitata da questo tipo di lavoro, e che se si mette d'impegno è anche brava. La segretaria che, grazie al cielo, non s'innamora di Strike come nei libri più banali che ho letto - e che non leggerò mai più. 
Assieme a Cormoran, indaghiamo passo per passo, infilandoci in ogni crepa delle varie storie degli indagati quasi come acqua, svelando passo per passo la verità. Una verità scomoda e che a me personalmente ha lasciato di stucco, un po' a causa dei pregiudizi nei confronti di alcuni personaggi facenti parte del mondo di Lula, un po' perché alcune cose sono state svelate solo dopo e, mentre Cormoran le intuiva, noi venivamo tenuti all'oscuro. È stato piacevole rimanere nell'ignoranza, dopo svariati libri in cui indovinavo ancor prima di arrivare a metà tutto ciò che sarebbe successo.
Guy Somé, Evan Duffield, Tony Landry, i coniugi Bestigui, Ciara, Rochelle, Lady Bristow e anche John Bristow: ognuno di loro nasconde qualcosa, alcuni mentono, altri no... E a Cormoran Strike il compito di scoprire chi fa cosa, destreggiandosi tra la Londra "normale" e quella super costosa e sempre sotto i riflettori di cui fanno parte solo pochi eletti. Alcuni personaggi, come Guy e Ciara, mi sono piaciuti in quanto davvero particolari, mentre altri come i Bestigui o Rochelle... Approfittatori, avvoltoi, bugiardi. Lula davvero non poteva fidarsi di nessuno.
Anche se non è un personaggio attivo nel racconto, scopriamo molte cose anche di Lula, il piccolo cuculo dalla pelle scura in una famiglia di bianchi. Le scopriamo dalle cose che rivelano le indagini, certo, ma soprattutto grazie a come ne parlano le persone che la conoscevano davvero. Non i fan, ma le persone che le parlavano tutti i giorni, che avevano rapporti d'amicizia con lei. Lula diventa molto di più che la super model morta. Diventa una persona normale, qualsiasi, che potremmo incontrare per strada, con dubbi intimi e sconosciuti ai fan, con gioie e dolori.
Anche lo stile di scrittura ti lascia incollato alle pagine: ogni particolare, ogni dettaglio, ogni termine può essere un indizio e, se sfugge, i conti non tornano.
Vi invito a leggere questo libro che, personalmente, mi è piaciuto davvero tanto.

Sarebbero 4.5/5

giovedì 23 marzo 2017

Recensione #80 - Coraline

Salve. Oggi condivido con voi la recensione di un libro letto per una challenge:


Casella 33:

- La vendetta del diavolo – Joe Hill +20
- Coraline – Neil Gaiman +15
- La notte delle falene – Riccardo Bruni +10
- L’eleganza del riccio – Muriel Barbery +8
- La luce sugli oceani – M.L. Stedman +5
- I due matrimoni – Chrissie Manby +3



Titolo: Coraline

Titolo Originale: Coraline

Autore: Neil Gaiman

Data di pubblicazione: 2003

Editore: Mondadori

N° di pagine: 183

Prezzo: €14,80

Link per l'acquisto: Amazon


Trama: In casa di Coraline ci sono tredici porte che permettono di entrare e uscire da stanze e corridoi, e poi ce n'è una, la quattordicesima, che dà su un muro di mattoni. Oltre quel muro dovrebbe esserci un appartamento vuoto, ma... sarà vero? Perché un giorno Coraline scopre che dietro la porta si apre un corridoio scuro, e alla fine del corridoio c'è una casa identica alla sua, e nella cucina della casa vive una donna uguale a sua madre. Quasi uguale, anzi, perché al posto degli occhi ha due lucidi bottoni, attaccati con ago e filo. Amorosa e attenta, l'altra madre le chiede di diventare sua figlia: in cambio avrà tutto ciò che desidera, e anche di più. Ma Coraline, bambina saggia e intrepida, capisce subito di essere finita in una ragnatela fatta di nebbia e tenebra, al cui centro c'è un ragno straordinariamente pericoloso. E sa che, tra incanti e spaventi, gatti parlanti e spettri bambini, topi musicisti e vecchie attrici indomabili, toccherà a lei sconfiggere il buio e liberare i prigionieri dell'altra madre... 



Siamo piccine ma molte
Siamo molte ma piccine
Eravamo qui prima di voi
Saremo qui anche poi.

Neil Gaiman è un autore che a me piace molto, sia per lo stile che per le sue storie. Coraline può essere considerato un classico del suo genere: la protagonista è, appunto, Coraline, una ragazzina avventurosa che si ritrova in un mondo parallelo e macabro, pieno di topi, che da la sensazione di finto, e al cui capo c'è una strana creatura che ha preso le fattezze di sua madre e cerca di convincerla a restare con lei. Coraline, per riuscire a sfuggirle, dovrà giocare ad un gioco in cui lei è l'unica a giocare pulito. E l'unico aiuto che le viene dato è da parte di un gatto.
Il personaggio di Coraline mi è piaciuto molto. Non si trovano spesso, nei libri per ragazzi, protagoniste femminili e, soprattutto, coraggiose e con spirito d'avventura come Coraline. Non è neanche uno di quei personaggi piatti e stereotipati: in lei, nel corso del romanzo, c'è una crescita. Non solo riesce ad affrontare le sue paure, ma matura anche dal punto di vista psicologico.
Uno dei temi affrontati nel corso del romanzo è il rapporto tra genitori e figli, e la vita a volte "banale" che ci ritroviamo. Ma poi quella stessa vita che ci è venuta a noia, come anche i nostri parenti così imperfetti e che ci irritano, diventano a noi cari nel momento in cui ci troviamo in una situazione diversa e pericolosa.
La "Altra Madre", questa creatura mostruosa e subdola, a pensarci bene è davvero raccapricciante. Cerca di manipolare la giovane Coraline, ma è completamente fasulla e si nota, proprio come il mondo da lei creato. Falso. Incompleto. E la sua voce è inespressiva quanto i suoi occhi di bottone.
Capiamo subito il pericolo grazie agli odori, ai suoni, all'ambiente che circonda Coraline nella sua esplorazione.
Forse la cosa più inquietante però sono quei maledetti topi musicisti... 
Grazie alle immagini che si trovano nei capitoli riusciamo ad entrare anche di più nella storia. Pur non essendo di mio gusto, lo stile in cui sono disegnati è appropriato alla storia e la rende davvero completa.
Consiglio, se non lo avete ancora fatto, di leggere questo libro.

mercoledì 22 marzo 2017

GDL/Reading Challenge: "Una Blogger per Amica" | Marzo: Il Grande Gatsby - Discussione Capitoli 4-6


Buonasera, lettori! Con grande piacere vi do il benvenuto alla seconda tappa di questa iniziativa!

http://thereadingpal.blogspot.it/search/label/una%20blogger%20per%20amica



Questa sfida di lettura ha come titoli quelli presenti nella Rory Gilmore Reading List. Io, Rosaria e Valentina vi abbiamo dato la possibilità di scegliere tra tre titoli per questo mese, e voi avete scelto il Grande Gatsby di Fitzgerald!

Il 15/03 Valentina ha inaugurato il GDL sul suo BLOG, parlandovi dei primi tre capitoli di questo libro. Questa seconda tappa, invece, si concentrerà sui capitoli 4-5-6.



Ho deciso di cominciare con una citazione presente alla fine del capitolo V perché mi sembra un po' il riassunto non solo di questi capitoli, ma della storia in generale:

Non c'è fuoco né gelo tale da sfidare ciò che unuomo può accumulare nel proprio cuore.

Attenzione: SPOILER



Perché proprio questa frase? Be', i capitoli centrali di cui vi parlo sono quelli in cui scopriamo di più su Gatsby e sul suo rapporto con Daisy. Quest'ultima diventa per il nostro Gatsby come un miraggio, irraggiungibile, come la luce verde che il povero uomo osserva e che proviene dal pontile della donna che lui ha elevato a qualcosa di molto di più.

Il capitolo IV comincia con un elenco delle persone che sono di solito presenti alla feste di Gatsby. Molti sono imbucati, tutti sono frivoli e provenienti dall'alta società. Ma non importa. Quello che importa davvero è ciò che viene dopo: Nick e Gatsby fanno una piccola gita in macchina, e Gatsby chiede al giovane Nick che cosa pensa di lui. Nick non sa cosa rispondere, è preso alla sprovvista, e a quel punto Gatsby gli racconta qualcosa di sé. I suoi genitori sono morti, lasciandolo con una grossa eredità. Allevato in America, è però stato educato ad Oxford, come il resto della sua famiglia deceduta. Ha viaggiato in Europa, ed ha cercato di dimenticare qualcosa che non specifica, ma che dice essere molto triste. E poi è andato in guerra, dove ha ricevuto anche delle medaglie, che mostra a Nick e che quest'ultimo ci dice sembrino autentiche. Da come Nick ci narra tutto questo, dai suoi commenti, capiamo che non crede a ciò che Gatsby gli dice, che c'è qualcosa di falso e qualcosa che manca. Ma, dopo che Gatsby gli ha raccontato di sé, dice a Nick di aver parlato con la signorina Baker e che sa che i due si incontreranno. Jordan Baker gli dovrà parlare di qualcosa riguardante Gatsby.
Passiamo ora all'incontro con Wolfsheim, all'ora di pranzo. È un conoscente di Gatsby e capiamo subito che qualcosa in lui non va, che c'è qualcosa di nascosto che, per il momento, non riusciamo ad afferrare. E la figura di Gatsby ottiene, anche grazie a questo incontro, un aspetto sinistro, diverso dal mistero precedente.
Finalmente, Jordan e Nick si incontrano e la prima racconta a Nick di quando ha conosciuto Gatsby, anni addietro, e di come anche Daisy lo conoscesse... Veniamo anche a conoscenza di come si sono svolti i fatti dalla parte di Daisy mentre Jay Gatsby era via. La giovane donna si è sposata con Tom, che già allora la tradiva. Prima del matrimonio lei aveva ricevuto una lettera (da Gatsby?), si era ubriacata e si era messa a piangere, ma alla fine la lettera viene distrutta dall'acqua e riescono a farla calmare. Il matrimonio si celebra e Daisy non parla più di ciò che è successo.
Jordan, quindi, riferisce a Nick di una richiesta di Gatsby: chiedere a Daisy di andare a prendere il tè da lui, senza Tom, così che Gatsby possa presentarsi da Nick ed incontrare la donna amata. Anche la casa di Gatsby è stata comprata appositamente per essere vicino a Daisy.
Nel capitolo V Nick incontra Gastby, che sembra distratto, fuori di sé. Si mettono d'accordo per il giorno in cui organizzare tutto... E finalmente arriva il giorno fatidico dell'incontro. Sia Gatsby che Daisy sono nervosi, Gatsby è praticamente un'altra persona, totalmente diverso dall'uomo controllato che abbiamo visto fino ad ora. A discapito della pioggia, Gastby e Daisy riescono a parlare e vanno (Nick incluso) a casa di Gatsby. Nick li osserva, rapiti l'uno dall'altra.
Nel capitolo VI, invece, veniamo a conoscenza della vera identità di Jay Gatsby, un ragazzo di origini umili che ha avuto un colpo di fortuna nella persona di Dan Cody, che lo ha preso con sé. È una storia completamente diversa da quella raccontata dallo stesso Gastby precedentemente, ma questa sembra essere la verità effettiva.
Tom e Gatsby si incontrano. Un incontro teso, pieno di falsa cortesia e di ipocrisia, elementi che abbiamo già visto nei capitoli precedenti. Tom e Daisy sono invitati ad una delle grandi feste di Gatsby e Tom è deciso a scoprire di più sul suo "nemico", che lui crede essere un contrabbandiere nonostante le negazioni di Nick.

Questi sono più o meno gli eventi che si sono succeduti in questi tre capitoli, quelli centrali, dove conosciamo meglio Gatsby e il suo ormai patetico amore per Daisy, perché mentre lei si è sposata e sembra essere andata avanti, lui è rimasto indietro. L'elemento "magico" di quella luce verde così distante si è rotto, i due si sono incontrati, ma non è andata come il povero Gatsby sperava...

Personalmente, trovo irritanti l'ipocrisia e la superficialità dei personaggi, come anche la povera illusione di Gatsby. Il modo in cui il romanzo è scritto, narrato da un elemento "esterno", ci permette di osservali meglio, a mio parere, di come potremmo percepire il tutto se a narrare fosse Daisy o anche Gatsby.


Voi cosa ne pensate? Vi sta piacendo il romanzo? C'è un elemento che vi ha colpito particolarmente? Lo avevate letto in precedenza e, se sì, la vostra opinione è cambiata?


Vi lascio gli appuntamenti con il GDL:

Gruppo di Lettura: "Il Grande Gatsby"

15 marzo: discussione capitoli 1-3 su Universi Incantati
22 marzo: discussione capitoli 3-6 su The Reading Pal
29 marzo: discussione capitoli 6-9 su Niente di Personale
30 marzo: recensione in tutti i blog (anche nei vostri, se volete! ;)) + estrazione giveaway

martedì 21 marzo 2017

Una playlist per... #8


Una playlist per..." nasce perché, oltre a leggere, io amo particolarmente ascoltare la musica. A volte l'ascolto anche mentre leggo e studio, ideando delle playlists per le storie od i personaggi di un certo libro che sto leggendo.
Quindi ogni martedì, in base al libro che sto leggendo, creerò una piccola playlist di massimo 10 canzoni.

La playlist di oggi è molto, molto piccola. Molte canzoni non sono riuscita a condividerle sul blog, ma fanno parte del film animato di Coraline, quindi potete trovarle su youtube.

Oggi la playlist è per...