giovedì 18 maggio 2017

Recensione #97 - Oscure Regioni Vol. 1

Ciao a tutti! Oggi vi parlo di una raccolta di racconti che ho letto per due Reading Challenge:

L'obiettivo è "leggi un libro ambientato in Italia". Ho chiesto se questa raccolta andava bene e Valentina mi ha risposto
di sì, quindi...

OBIETTIVO 9 - Leggi una raccolta di racconti. Il completamento di questo obiettivo ti darà 1 punto




Titolo: Oscure Regioni. Vol. 1

Autore: Luigi Musolino

Data di pubblicazione: 2016

Editore: RiLL (Riflessi di Luce Lunare / Wild Boar

N° di pagine: 158

Prezzo: €10 (Cartaceo) / €3,99 (Ebook)

Link per l'acquisto: Amazon (Cartaceo) / Amazon (Ebook)


Trama: Il paese del sole e del mare è solo una facciata, uno specchietto per turisti: l'Italia in realtà è piena di streghe, creature mostruose, caverne oscure.
E' il paese della follia e dell'inquietudine, dietro il velo quotidiano della quotidianità.
Oscure Regioni: dieci racconti horror basati sulle storie del folclore italiano, quelle che una volta, prima della televisione, si raccontavano intorno al fuoco, nelle notti d'inverno...




L'orrore è mutevole. Assume forme complesse, si rintana negli angoli bui delle cascine e nei fienili di campagna, fluttua nelle strade vuote delle città, quando l'ora è tarda e la foschia si alza dal terreno come un vapore venefico, che fa male ai polmoni.
L'orrore è una telefonata nel cuore della notte, quando stai dormendo un sonno pesante e gli incubi sono le tue lenzuola, e cerchi di difenderti da cose troppo vaghe per poter essere descritte. Perché quell'augurio pronunciato quando ci si corica, buonanotte, è una fandonia: nel pieno della Nox anche lo squillo del telefono può farti morire di crepacuore.


Oscure Regioni è una raccolta di racconti dell'orrore, incentrati su storie e miti dell'Italia. Ognuno dei racconti è ambientato in una regione diversa. C'è un secondo volume, che è sul mio scaffale e aspetta di essere letto, ma non so quando lo farò.
Per quanto riguarda questo primo libro, vi dico subito che Luigi Musolino scrive piuttosto bene, e posso assicurarvi che i racconti sono tutti di ottimo livello, anche se alcuni mi sono piaciuti più di altri.
Ho dato un voto ad ogni racconto, come faccio ogni volta:

Il libro di Malanina 4.5/5
La signora delle Cisterne 4/5
Il piccolo Re 4/5
'O Mammone 5/5
Nanni Orcu 4/5
Sibillini occhi d'avorio 5/5
Cani d'acqua 5/5
I nastri di Larrie 5/5
Sa Reina 5/5
Crustumium, la Profondata 5/5

Grazie a questi dieci racconti visitiamo dieci regioni diverse e veniamo a conoscenza di alcune credenze e miti ivi presenti. Musolino, nell'intervista alla fine della raccolta, dice di aver "calcato la mano" alle leggende per renderle un po' più horror e moderne: non conoscendo molte di esse, la mia curiosità si è risvegliata e ho deciso che, appena avrò un po' di tempo, farò delle ricerche per conto mio.
Tutti questi racconti sono legati da un filo stretto, quello dell'Italia che non è solo un paese "di sole e di mare", ma nasconde miti ancestrali che contengono in sé le paure degli uomini e verità che non riescono a percepire con la razionalità.
In Il libro di Malanina siamo in Piemonte, e il racconto è incentrato sulle masche, che sono una sorta di streghe. Questo primo racconto ci fa entrare direttamente nell'umore adatto a leggere il libro e capiamo subito che, se vogliamo dei finali a lieto fine e una bella fiabetta, dobbiamo cambiare lettura. Io, con piacere, ho continuato, e con La signora delle Cisterne mi sono fatta un bel viaggetto in Sicilia, per poi passare in Abruzzo con Il piccolo Re. Con 'O Mammone si va in Campania, per poi andare in Puglia, Marche, Calabria, Lombardia, Sardegna, Emilia Romagna.
Per quanto riguarda i personaggi, non posso dire molto perché sono diversi in ogni racconto. Si ritrovano a vivere cose che non dovrebbero accadere, e vedere creature che non dovrebbero esistere. E in alcuni racconti, è possibile che essi siano reali come che siano nelle loro menti, raffigurazioni di cose che tengono nascoste anche a loro stessi. E' questo che fa davvero paura, perché se i mostri sono all'esterno è un conto, ma se sono dentro la nostra testa, tra i nostri pensieri, è tutta un'altra storia...
Ho praticamente divorato questo libro: Musolino ha un vero talento nello sfruttare questi miti per le proprie storie, tanto che molte volte mi sono ritrovata a provare quello che provavano i personaggi. Sensazioni, sentimenti, e l'orrore per quello che si trovavano di fronte. Di notte o di giorno non fa differenza, ve l'assicuro: questo viaggio nelle regioni italiane vi lascerà con un senso di terrore misto a curiosità che difficilmente se ne andrà, alla fine.

Voi lo avete letto? E cosa ne avete pensato?


2 commenti:

  1. lo confesso non conosco questo libro! però me lo segno visto che ne hai parlato così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio caldamente di leggerlo! Io ho il secondo volume che mi aspetta, lì sulla mensola... Sto pensando di mandare tutto a quel paese e leggermi quello invece di studiare e leggere i libri che hanno la precedenza xD

      Elimina

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!