giovedì 22 dicembre 2016

Recensione #43 - Gala Cox

Libro letto per la challenge:

https://lalibridinosa.blogspot.it/2016/11/la-ruota-delle-letture-reading.html

Ed in questo caso è avvero stata una tortura, lasciatemelo dire...

Titolo: Gala Cox. Il mistero dei Viaggi del Tempo

Autore: Raffaella Fenoglio

Data di pubblicazione: 2014

Editore: Fanucci

N° di pagine: 485

Prezzo: €14,90

Link per l'acquisto: Amazon

Valutazione: 

Trama: Gala Cox Gloucestershire ha quattordici anni e frequenta il liceo artistico. Ha un carattere indeciso, un'intelligenza fuori dal comune e la passione per le materie tecniche. E non sta affrontando un bel momento: ha appena perso la sua migliore amica, Nadia, in un terribile incidente dai risvolti misteriosi e il suo amatissimo papà se n'è andato di casa senza una ragione apparente. Ora Gala vive con la mamma Orietta, medium scostante e autoritaria, e alcuni spiriti vaganti tra i quali l'indiano Matunaaga e la monaca benedettina Ildegarda di Bingen. Gala crede di sapere tutto sull'aldilà, fino a quando non inizia a frugare nello studio del padre alla ricerca di una traccia che le permetta di ritrovarlo. Qui, una scoperta casuale le aprirà le porte di un mondo prima sconosciuto, catapultandola in una pericolosa realtà parallela.
In un graduale e inesorabile susseguirsi di avvenimenti e scoperte, Gala vedrà crollare le proprie certezze una ad una. L'amore per le persone a lei care la spingerà a intraprendere una lotta che renderà una ragazza più forte, molto più di quanto abbia mai potuto immaginare.



"Edvige, Black Coat ti sta cercando. Sei l'unica
che sia riuscita a sfuggirgli. Vuole finire il lavoro.
Sta mettendo sottosopra tutta Londra per
trovarti. Per tua fortuna non ricorda bene il
tuo volto"



Ho letto questo libro per l'obiettivo "leggi un libro con la copertina nera". Non lo avessi mai fatto. I presupposti erano buoni, ma è stata la delusione più totale!
Non so come io abbia potuto cominciare a leggere e finirlo: non solo il libro è di una pesantezza assurda, anche i personaggi lasciano a desiderare. Non ce n'è stato uno che mi sia piaciuto, e Gala è talmente indecisa e a tratti così stupida che avrei voluto lanciare il libro fuori dalla finestra. Mi sono trattenuta solo perché l'ho preso a prestito dalla biblioteca, e meno male...

Gala è una ragazza che di normale nella sua vita ha poco. Certo, va a scuola, ma tutto il resto è tremendamente diverso dalla vita dei suoi compagni. Per cominciare c'è sua madre, una medium, che  a volte richiama gli spiriti per lavoro. In particolare, due di loro sono fissi nella casa: Matunaaga ed Ildegarda.
La vita di Gala ha preso una piega diversa dalla morte della sua amica Nadia, che però ritorna da lei come spirito, dicendo di avere un'altra vita. Ha infatti presto il posto di Edvige, una ragazza di fine Ottocento, e vive la sua vita come se fosse lei. Nadia, ormai Edvige, chiede l'aiuto di Gala, indecisa se seguire l'amica o meno. Alla fine è Edvige a deciderlo, e la porta con sé.
Ah, c'è anche il pare scomparso, non dimentichiamolo.

I personaggi erano piatti, incolori. Monocorde. 
Nadia che se ne frega delle conseguenze e combina casini.
Gala che è talmente stupida e debole... Che si dia una mossa, mamma mia...
Dennis, che con le vocali allungate sembra solo stupido e risulta decisamente irritante...

 La storia poteva essere interessante e non lo è stata. Occasione sprecata, davvero.

Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!