giovedì 29 settembre 2016

Recensione #17 - Le Cronache di Magnus Bane

Oggi, come promesso, una recensione!

Titolo: Le Cronache di Magnus Bane

Titolo originale: The Bane Chronicles

Autore: Cassandra Clare; Maureen Johnson; Sarah Rees Brennan

Data di pubblicazione: 2015

Editore: Mondadori

N° di pagine: 501

Prezzo: 13€

Link per l'acquisto: Amazon (altra edizione)

Valutazione: 

Trama: Chi è davvero Magnus Bane? E' forse l'individuo misterioso che s'insinua nelle trame della Rivoluzione Francese, o lo strampalato europeo che crea scompiglio in un remoto Perù dell'epoca coloniale, o il venditore di alcolici che sfida il proibizionismo nella Manhattan degli anni Venti? E se invece fosse soltanto un giovane alla moda, sempre pronto a scendere in pista nelle discoteche più elettrizzanti della New York anni Settanta?
Cassandra Clare ci accompagna attraverso luoghi ed epoche affascinanti alla scoperta dei retroscena più avvincenti del passato di Magnus Bane, eclettico e inafferrabile personaggio che ha vissuto mille vita in una, tutte legate ad un filo rosso: la perenne lotta tra la forza dell'amore e quella del destino, a cui nessuno può opporsi, neppure il Sommo Stregone degli Shadowhunters.

Cosa accadde in Perù 3.5/5
La fuga della regina 3/5
Vampiri, scones ed Edmund Herondale 4/5
L'erede di mezzanotte 4/5
L'origine dell'Hotel Dumort 3.5/5
Alla ricerca di Raphael Santiago 4/5
La caduta dell'Hotel Dumort 3.5/5
Un regalo di compleanno per Alec 5/5
L'ultima sfida dell'Istituto di New York 4/5
Il corso di un amor cortese (e dei primi appuntamenti) 5/5
La segreteria telefonica di Magnus Bane 4/5

Le Cronache di Magnus Bane è una raccolta di 11 storie incentrate su Magnus e sulla sua vita prima e dopo aver incontrato certi Shadowhunters di nostra conoscenza.
All'inizio non sono partita benissimo: la prima storia era piena di refusi e di parole mancanti nelle frasi... Mah. 
Continuando con le storie però mi sono sempre di più attaccata a Magnus ed ho alternato momenti di profonda tristezza, come per esempio in La fuga della Regina, a momenti in cui stavo per morire dal ridere, come in Il corso di un amore cortese (e dei primi appuntamenti).
Leggendo le storie dove gli Shadowhunters sono presenti, si è rafforzata la mia idea di come essi siano degli schifosi razzisti che per la maggior parte non meritano il dono fatto loro dall'Angelo. Mi viene in mente la storia in cui i Morgenstern (si, di nuovo loro) buttano i piatti dopo che i Nascosti ci mangiano. E anche altro.
Ragnor e Catarina sono l'AMORE. Li adoro. Purtroppo Ragnor non sarà presente negli altri libri, però vorrei vedere Catarina... In alcune di queste storie era presente anche Tessa, che io adoro.
Insomma, il libro mi è piaciuto e Magnus mi piace sempre di più.

Voi lo avete letto? Come vi è sembrato?

2 commenti:

  1. I Nephilim sono lì apposta per essere presi a bastonate, secondo mexD
    Io vorrei leggere il libro solo per le parti in cui Magnus e Alec interagiscono, sono troppo pucciosi*-*

    RispondiElimina

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!