giovedì 18 gennaio 2018

Recensione #160 - L'unicorno nero

Oggi torno con una recensione!



Titolo: Ciclo di Landover #2. L'unicorno nero

Titolo originale: The Blank Unicorn

Autore:  Terry Brooks

Data di pubblicazione: 2013

Editore: Mondadori

N° di pagine: 279

Prezzo: €6,99

Link per l'acquisto: Amazon

Trama:  Da quando ha comprato il regno di Landover dal mago Meeks è passato un anno e, dopo tanti problemi, Ben Holiday spera di godersi un po' di pace insieme con i suoi bizzarri e fedeli amici: un mago maldestro, una bella fanciulla capace di trasformarsi in albero e un cane parlante. Invece dei sogni terrificanti cominciano a disturbare il loro sonno. Non è una coincidenza, ma una nuova minaccia di Meeks, che può essere sventata solo dal mitico Paladino.







Alla buon ora, ho ripreso in mano questa serie. Il primo volume, Il magico mondo di Landover, non mi ha lasciato, alla fine, un gran ricordo. Che di solito non è un buon segno. Ma mi era piaciuto, e avevo già tre dei quattro libri quindi ho continunato a leggere. Questo è il secondo libro. 
Ben Holiday si è finalmente installato come re di Landover. Ci sono molti programmi da portare avanti e molti impegni, e di Meeks, finalmente, neanche l'ombra. Solo che una mattina, Ben, Questor e Willow raccontano di aver fatto dei sogni particolari, sogni che sono molto di più. Tutti e tre si mettono in viaggio, e scatenano qualcosa che non si aspettano per nulla.
I personaggi sono quelli del primo libro: Ben, Willow, Questor e Abernathy, con una serie di personaggi secondari, come i due coboldi, la Strega del Crepuscolo e il drago Strabo.
Ovviamente si concentra di più su Ben, ma un gran spazio ha Willow (ottima cosa, essendo l'unico personaggio femminile, ANCORA UNA VOLTA, a parte la strega). Abernathy è praticamente nel restroscena, che vabbe', poco importa sinceramente. E Questor pare migliorato ma poi mica tanto.
Questo secondo libro mi è piaciuto un po' di meno rispetto al primo.
Parlando delle cose positive: si vede una crescita piuttosto faticosa in Ben, che capisce più di se stesso e di Landover. A volte l'ho trovato un po' pesante, ma è una cosa che è riferita nel libro. Mi connetto con il Gatto Prismatico ad un livello spirituale. Solo che il gatto aveva più pazienza, ed è tutto dire. Sembrava che Ben avesse innalzato un muro per non capire quello che il gatto tentava in tutti i modi di fargli capire. Comunque la crescita c'è stata, anche se si è dovuto aspettare un po'. E il gatto è uno dei miei personaggi preferiti in questo libro.
Anche il filone di Willow è interessante. Purtroppo, come ho detto, per i personaggi femminili non c'è molta scelta (una cosa che anche nel primo libro doveva essere migliorata, ma che a questo punto non credo vedrò nei prossimi libri). Ma Willow rimane comunque un personaggio particolare. La sua dualità, che le viene dai genitori, la rende una creatura con molte sfaccettature che possono essere esplorate. È più intelligente di quello che sembra e mi pare che ci sia stato un salto di qualità (non molto alto, ma c'è stato) da Love Interest a Personaggio di una qualche importanza. La sua relazione con Ben è molto veloce e non sono riuscita ad apprezzarla. Da troppe cose per scontato. Ma come sifilide, come personaggio a sé, Willow non è male.
Per quanto riguarda lo sviluppo dei personaggi in lato un po' negativo, non mi pare che a Questor sia stato dato uno spazio adeguato. È sicuramente un personaggio comico e un po' stupido, ma c'è qualcosa in più in lui e la sua missone non ha avuto la stessa importanza data a quella di Ben e Willow, pur essendo allo stesso livello.
Anche la storia è interessante, se si finisce tutto il libro, ma la parte iniziale è piuttosto pesante e penso potesse essere fatta meglio. Il tema della realtà e dell'illusione è stato esplorato in modo non del tutto completo, penso. Mi sembra che abbia perso un'ottima possibilità.
Lo stile l'ho trovato un po' pesante e forse è anche colpa della traduzione, e questo non mi ha fatto apprezzare il libro come forse avrei dovuto. Ma nel complesso è stata una lettura "okay".



mercoledì 17 gennaio 2018

WWW Wednesday #50





Rubrica ideata dal blog Should be Reading con
l'intento di
riportarvi le nostre letture concluse, in corso e future.



-What are you currently reading?


Be', non lo so ancora leggendo, ma comincerò questa sera. Si tratta di Victorian Vigilante - Le infernali macchine del Dittor Morse di Federica Soprani e Vittoria Corella edito da Nero Press Edizioni. (Ma vogliamo parlare di quanto è figa questa copertina?)

Trama: 1890. L'assetto europeo manifesta già i germi di una guerra mondiale e vede contrapposte due scuole di pensiero scientifiche: i Maniscalchi inglesi seguaci dell'Ergomeccatronica, che sfruttano esoscheletri potenziati per implementare le capacità di lavoratori e soldati, e i Senza Dio fautori della Meccagenetronica, localizzati nell'Europa dell'Est, che hanno sviluppato terrificanti ibridazioni uomo-macchina. A Londra s'innesca una battaglia senza quartiere tra il misterioso vigilante mascherato Spettro di Nebbia, il Sergente Malachy Murphy e la spietata Baba Yaga, una donna meccanica alle dipendenze del Dottor Anton Morse, genio della Meccagenetronica dai loschi fini. Nella lotta verranno coinvolti anche il giovane tagliatore di diamanti ebreo Mordecai Gerolamus, perseguitato da invisibili e inquietanti demoni, la giornalista d'assalto Catherine "Orlando" Swan e suo fratello Percy, direttore del Giornale. Ognuno di loro avrà un fine da perseguire tra sogni segreti, deliri di onnipotenza, giustizia e protezione, tormenti interiori e solitudine in una continua evoluzione oltre il Bene e oltre il Male.




-What did you recently finish reading?


Ho letto alcune opere di Eschilo: Prometeo Incatenato, I persiani, I sette contro Tebe e Le supplici. 
Ne ho parlato QUI.


Trama: La straordinaria sensibilità e lo scavo psicologico di Eschilo non solo danno vita nel suo teatro a personaggi grandiosi e complessi, ricchi di risvolti, ma fanno irrompere sulla scena, e con la massima violenza, le grandi questioni politiche e sociali dell'epoca, incredibilmente attuali e moderne: il diritto d'asilo, il sorgere dello stato dalle ceneri delle lotte intestine, la necessità del voto e della democrazia. Il linguaggio è ricchissimo di risorse e accosta registri lirici ed epici, espressioni del parlar comune o dialettali, e quando si gonfia e tende al solenne ha sempre, come in Shakespeare, il crisma dell'autenticità. 








-What do you think you'll read next?


Leggerò The Iron King di Julie Kawaga. Mi è stato regalato e mi incuriosisce, anche se non penso sarebbe stato un libro che avrei preso da sola. 

Trama: Meghan Chase has a secret destiny; one she could never have imagined.
Something has always felt slightly off in Meghan's life, ever since her father disappeared before her eyes when she was six. She has never quite fit in at school or at home.
When a dark stranger begins watching her from afar, and her prankster best friend becomes strangely protective of her, Meghan senses that everything she's known is about to change.
But she could never have guessed the truth - that she is the daughter of a mythical faery king and is a pawn in a deadly war. Now Meghan will learn just how far she'll go to save someone she cares about, to stop a mysterious evil, no faery creature dare face; and to find love with a young prince who might rather see her dead than let her touch his icy heart.

lunedì 15 gennaio 2018

Libri consigliati per... #17


Oggi è giorno di consigli!




In Libri consigliati per... consiglio dei libri a dei personaggi di libri, serie tv o film. Posso 
consigliare anche rispetto allo stile di un certo libro o autore.

Nota bene: il fatto che io li consigli non significa che li ho per forza letti. A volte può capitare che io mi fidi delle recensioni di Goodreads e/o Amazon e che le scelga in base alla storia, che potrebbe piacere al personaggio.


Uno dei primi libri letti nel 2018 è stato Magnus Chase e gli dei di Asgard. La nave degli scomparsi di Rick Riordan, e sul blog trovate la mia recensione. Ora, io ho letto tutti i libri di Riordan di PJtO, HoO, ToA, KC e MC pubblicati in Italia. E anche se il suo stile mi sta venendo un pochino a noia, le storie sono sempre piuttosto interessanti. Ho deciso quindi di consigliarvi dei libri simili ai suoi, vuoi per il tipo di storia o personaggi. 
Alcuni libri sono già nella mia wishlist, altri li ho scoperti cercando. Qui ne ho messi tre. Vorrei tanto che venissero tradotti in italiano, perché mi sembrano molto più interessanti di certa roba che viene pubblicata in Italia ultimamente...






Trama: Loki è riuscito a liberarsi dalle catene con cui Odino lo teneva prigioniero e marcia verso l'impresa che consacrerà per sempre il suo dominio: distruggere i Nove Mondi e scatenare il Ragnarok, il Giorno del Giudizio. Un'eternità trascorsa con un serpente sulla testa non ha certo mitigato l'ira del malvagio dio, e Magnus Chase dovrà fare appello a tutto il proprio coraggio per impedire che Loki salpi con la diabolica Nave dei Morti prima del solstizio d'estate. Nella sua missione più decisiva, però, Magnus dovrà affrontare Loki sul suo stesso terreno, in un duello in cui non serviranno mazze e spade quanto spirito e arguzia: una gara di dialettica, da combattersi a suon di... fantasiosi insulti! Solo bevendo il prodigioso Idromele di Kvasir Magnus potrà sperare di battere il dio, ma dovrà poi misurarsi con il suo terrificante vascello di zombie a bordo di una nave dall'aspetto non esattamente minaccioso, la Big Banana...



I LIBRI CONSIGLIATI SONO:





Trama:

In Viking times, Norse myths predicted the end of the world, an event called Ragnarok, that only the gods can stop. When this apocalypse happens, the gods must battle the monsters--wolves the size of the sun, serpents that span the seabeds, all bent on destroying the world.
The gods died a long time ago.
Matt Thorsen knows every Norse myth, saga, and god as if it was family history--because it is family history. Most people in the modern-day town of Blackwell, South Dakota, in fact, are direct descendants of either Thor or Loki, including Matt's classmates Fen and Laurie Brekke.
However, knowing the legends and completely believing them are two different things. When the rune readers reveal that Ragnarok is coming and kids--led by Matt--will stand in for the gods in the final battle, he can hardly believe it. Matt, Laurie, and Fen's lives will never be the same as they race to put together an unstoppable team to prevent the end of the world.






Trama:

Theodosia Throckmorton has her hands full at the Museum of Legends and Antiquities in London.
Her father may be head curator, but it is Theo - and only Theo - who is able to see all the black magic and ancient curses that still cling to the artifacts in the museum. Sneaking behind her father's back, Theo uses old, nearly forgotten Egyptian magic to remove the curses and protect her father and the rest of the museum employees from the ancient, sinister forces lurking in the museum's dark hallways.
When Theo's mother returns from her latest archaeological dig bearing the Heart of Egypt - a legendary amulet belonging to an ancient tomb - Theo learns that it comes inscribed with a curse so black and vile that it threatens to crumble the British Empire from within and start a war too terrible to imagine. Theo will have to call upon everything she's ever learned in order to prevent the rising chaos from destroying her country - and herself.






Trama:

Along the southern coast of England, atop the White Cliffs of Dover, stands a castle. And at that castle’s old keep is an orphanage. Delphi Keep has seen many youngsters come and go through its gates, and Ian Wigby and his sister, Theodosia, are happy to call it home. Life has always been simple at the Keep, and the orphanage safe, until one day, Ian and Theo find a silver treasure box. And within the box, a prophesy. Three thousand years ago a great Greek oracle wrote of a quest. A quest on which the fate of the world depends. A quest that names two children—Ian and Theodosia. Suddenly Delphi Keep is no longer safe. And Ian and Theo, along with a very special group of friends, realize they must unravel the meaning behind the scroll of Dover cavern before darkness falls on the world. And before an unfathomable evil catches up with them.